Esci dall’autostrada ad Imola e segui le indicazioni per Bologna. Pochi chilometri sulla via Emilia, dopo il cimitero di Codronchio si gira a sinistra e si imbocca la via Montecatone al numero 10, su una collinetta, la cantina e la fattoria Monticino Rosso.  Ad accoglierci Gianni Zeoli, che ci racconta della fattoria e della loro storia.
Il padre, Antonio, nel 1965 rientrando dal paese dove era immmigrato,  acquista monticinorossoil primo podere di 13 ettari denominato Olmo. L’azienda, a conduzione familiare, vede anche Gianni ed il fratello Luciano, che nel frattempo ci ha raggiunto, affiancare il padre nella conduzione e nel lavoro in fattoria. Nel 1985 acquistano il podere Monticino Rosso di 24 ettari nelle vicinanze del precedente, sulle colline di Imola, al confine con il comune di Dozza.
Da questo momento cambia il nome della Fartoria assumendo quella di “Monticino Rosso”. Gianni,più tecnico e operativo, assieme all’enologo Giancarlo Soverchia, si occupa principalmente della produzione mentre Luciano ha capacità maggiormente commerciali ed assieme, ora, conducono la fattoria. la maggioranza della produzione viene esportata ed uno fra i maggiori importatori, se non ilm principale è il Giappone.01_famiglia_01
Luciano ci racconta della storia della Tenuta in quella terra dove termina la produzione del corposi vini fermi  Romagnoli ed inizia quella dei vini frizzanti Emiliani.
Durante il dominio Napoleonico “Monticino Rosso” era già chiaramente identificato negli atti catastali redatti  con la denominazione di “Monticino dei meli granati” e per almeno un secolo fu proprietà dei signori Codronchi Torelli, nobile famiglia imolese.
E nel rispetto della tradizione e gratitudine verso chi ha posseduto, coltivato ed amato queste terre, persevando e rigenerando i vitigni autoctoni e della tradizione, che Gianni e Luciano hanno voluto dedicare il “Codronchio”, uno dei vini più prestigiosi da loro prodotti, una selezione di Albana di Romagna secca.
L’azienda si sta a01_famiglia_05llargando sono state montate le botti in rovere, di poroduzione francese per invecchiare il vino prodotto.
Fra poco sarà disponibile il nuovo prodotto lo spumante, gia in produzione a breve sarà messo in vendita anttediamo per assaggiarlo.
La serata finisce, come spesso succede nin terra di Romagna, attorno al desco. La sera a casa di Antonio assaggio dei vini  prodotti  e ci sono rimasti impressi, oltre ai vini che già conosciamo e normalmente proponiamo in albergo, i favolosi “Cappelletti in brodo” ed i salumi fatti in casa.

La produzione: (cliccare sul link per vedere la scheda del vino)

Classici
A  Albana
P Pignoletto
S Sangiovese

Selezioni
Le Morine
Pradello

Riserve
Codronchio
Pradello Riserva
Le Morine Riserva

Passiti
Albana Passito
8venti

Frizzanti
Tamburello Pignoletto Frizzante
Piratella
Rivazza Barbera Frizzante dei colli d’Imola

Nato nel 1949 a San Giovanni in Marignano, figlio d’arte di una cuoca dei ristoranti della Riviera, il mio primo approccio alla vita di hotel è avvenuto ad 11 anni, a 14 anni ho invece iniziato a lavorare nel bar di famiglia.
Gastronauta e sperimentatore di nuove metodologie di cottura, collaboro con il personale di cucina nella definizione dei menù.

Commenti

commenti

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>